gallery/blok

Blockchain come funziona, significato e spiegazione

La maggior parte delle criptovalute utilizzano il sistema detto "Blockchain" assieme ai sistemi di pagamento decentralizzato, ma blockchain come funziona, cos'è?

 

Con il termine Blockchain come funziona, si intende una lista in costante crescita di record, chiamati blocchi, che sono collegati e messi in sicurezza grazie alla crittografia. Ogni blocco contiene tipicamente un “hash pointer” che lo collega al blocco precedente, timestamp e dati sulla transazione.

 

Le blockchain sono resistenti alla modifica dei dati. Una blockchain può consentire di strutturare “un registro aperto e distribuito che può registrare le transazioni tra due parti in modo efficiente e in modo permanente e verificabile.”

 

Per l’utilizzo come ledger (libro mastro o registro contabile) distribuito, una blockchain viene generalmente gestita da una rete peer-to-peer che aderisce collettivamente a un protocollo per la convalida di nuovi blocchi. Una volta registrati, i dati in un certo blocco non possono essere modificati retroattivamente senza la modifica di tutti i blocchi successivi, il che richiede la collusione della maggioranza della rete.

 

I blockchain sono progettati per essere sicuri e sono un esempio di un sistema di calcolo distribuito con elevata tolleranza al “Problema dei generali bizantini”. Il consenso decentrato viene raggiunto attraverso una blockchain. Ciò rende la tecnologia blockchain potenzialmente adatta alla registrazione di eventi, cartelle cliniche e altre attività di gestione dei record, come la gestione di identità, elaborazione di transazioni, la provenienza dei documenti e tracciabilità del cibo.

 

La prima blockchain distribuita è stata teorizzata nel 2008 da una persona anonima o gruppo noto come Satoshi Nakamoto. Poi fu implementata nel 2009 come componente principale del bitcoin, dove adesso funge da registro contabile pubblico per tutte le transazioni. L’invenzione della blockchain per bitcoin ha reso il Bitcoin la primissima moneta digitale in grado di risolvere il problema della doppia spesa senza la necessità di un’autorità attendibile oppure di un server centrale.

 

Il design di bitcoin è diventato l’ispirazione per moltissime altre applicazioni. Blockchain come funziona: il termine più utilizzato e il meno conosciuto quando si parla di Bitcoin. Crediamo che poche persone abbiano una vaga idea di come funziona e di cosa sia e per questo è bene fare una ripassata.

 

Il o la Blockchain è un libro mastro pubblico in cui le transazioni vengono registrate e confermate in modo anonimo. È un record, cioè un registro, di eventi condivisi tra tutti gli attori del mondo delle criptovalute. Ancora più importante, una volta che le informazioni sono state inserite, non possono essere modificate.

 

Quindi, se la blockchain è un registro pubblico, cosa viene registrato?

 

Cosa sono tutte queste "transazioni"?

 

Le criptovalute, come il bitcoin, sono valute che esistono solo nel mondo digitale. Non ci sono monete d'oro fisiche con una "B" grande su di esse. Inoltre, possedere queste monete digitali comporta una nuova idea di "proprietà". Non lo hai letteralmente nelle tue mani, o persino nel tuo conto bancario, ma hai la possibilità di trasferire tale "proprietà" a qualcun altro semplicemente creando una transazione nel registro della blockchain.

 

Piuttosto che usare banconote, il tuo trasferimento è un puro inseme di numeri, cioè di dati in Internet.

 

Dove si trova esattamente questa Blockchain?

 

A causa del fatto che sono un'entità aperta a tutti, la blockchain non si trova su di un unico computer. Ad esempio, la blockchain bitcoin viene effettivamente gestita da nodi distribuiti. Questi nodi hanno tutti una copia dell'intera blockchain.

 

I nodi funzioneranno per sempre, sincronizzando le proprie copie della catena con quelle di altri utenti. Distribuendo copie e ovviamente anche l'accesso, la catena non può semplicemente "chiudere" o scomparire. È un sistema decentralizzato che è allo stesso tempo è robusto e sicuro.

 

Cosa ci fai con i tuoi Bitcoin?

 

Ci sono molte ragioni per cui la gente si innamora delle criptovalute: è anonima, decentralizzata e non ci sono commissioni nascoste o terze parti che cercano di prenderti una percentuale. La natura pubblica della blockchain significa che chiunque può controllarla. È efficacemente anonimo, eppure pubblico, nello stesso momento, ed è nel migliore interesse degli utenti che rimanga tale.

 

Puoi accettare e scambiare monete, o puoi estrarle o come si dice in gergo, minarle. I minatori spendono migliaia di euro e dollari nell'attrezzatura giusta solo per cercare di estrarre monete.

 

Ma cosa fanno veramente i minatori?

Ciò che i minatori fanno è abbastanza simile ai minatori del mondo reale in quanto stanno attivamente cercando qualcosa. Il loro computer lavora ripetutamente attraverso calcoli complessi per trovare una risposta molto specifica. I minatori risolvono i problemi, ma come è utile questo mondo? In breve, il compito dei minatori è quello di verificare che le transazioni pubblicate da altri utenti siano legittime, e che tutti i numeri si sommino in modo corretto.

 

I minatori raccolgono le transazioni e le mettono in un unico blocco. In genere un blocco contiene quattro informazioni: un riferimento al blocco precedente, un riepilogo della transazione inclusa, l'orario e una Proof of Work che ha portato alla creazione del blocco protetto. I blocchi sono legati insieme in una catena, una catena fluida che non ammette incongruenze; ciò significa che non vi sono "transazioni errate" nel sistema e che le transazioni immesse sono necessariamente valide e possono essere elaborate.

 

Controllando la blockchain e confermando le transazioni, l'intero sistema è efficacemente autoregolato e completamente sicuro. Questo non significa che un bambino rinchiuso in un seminterrato può semplicemente fare clic su "ok" e confermare un trasferimento di un miliardo di dollari in bitcoin o criptovalute.

 

I blocchi generalmente richiedono numerose conferme indipendenti e le equazioni sono destinate a essere difficili da decifrare. Per non parlare del fatto che l'hardware richiesto è molto più specializzato rispetto ad un laptop medio. Infine, che cosa impedisce a qualcuno di tornare indietro e modificare blocchi esistenti? Ogni blocco è saldamente "hashed", il che significa che è quasi impossibile da invertire o annullare. Una volta nella blockchain, è lì "registrato" per sempre.

 

Quindi, perché perdere tempo e risorse per aiutare altre persone o la blockchain? Perché non permettere a qualcun altro di fare tutto quelle conferme? Perché, non hai necessariamente una scelta. La conferma della blockchain è fondamentale per il mining.

 

Fa parte del vero processo di estrazione; tuttavia, ai minatori sono generalmente dati degli incentivi. Ad esempio, dopo aver risolto un problema (e aver creato un nuovo hash) vengono ricompensati con delle criptomonete.

 

Blockchain come funziona, cos'è e come è stata creata

 

Molte delle tecnologie che ora diamo per scontate erano silenziose rivoluzioni del tempo passato. Basti pensare a quanto gli smartphone hanno cambiato il modo in cui viviamo e lavoriamo oggi. Una volta le persone che erano fuori dall'ufficio, non erano più contattabili, perché un telefono era legato a un luogo, non a una persona.

 

Ora abbiamo nomadi globali che costruiscono nuove attività direttamente dai loro telefoni. E pensare che gli smartphone sono in circolazione solo da un decennio. Siamo ora nel bel mezzo di un'altra grande rivoluzione: blockchain, un database distribuito che mantiene un elenco sempre crescente di registrazioni ben ordinate, chiamate "blocchi".

 

Considera cosa è successo negli ultimi 10 anni: La prima grande innovazione blockchain è stata il bitcoin la prima valuta digitale. La capitalizzazione di mercato del bitcoin si aggira ora attorno a un valore di 190 miliardi di dollari, ed è utilizzata da milioni di persone per i pagamenti. La seconda innovazione è chiamata blockchain, che consiste essenzialmente nel rendersi conto che la tecnologia sottostante che gestisce il bitcoin può essere separata dalla valuta.

 

Quasi tutte le principali istituzioni finanziarie del mondo stanno facendo uso di blockchain al momento, e il 15% delle banche dovrebbe iniziare ad utilizzare la blockchain nel 2018. La terza innovazione è chiamata "contratto intelligente", incorporata in un sistema di blockchain di seconda generazione chiamato ethereum, che costruiva piccoli programmi per computer direttamente in blockchain che permettevano di rappresentare strumenti finanziari, come prestiti o obbligazioni, piuttosto che solo i contanti come i token del bitcoin.

 

La piattaforma ethereum smart contract ha ora una capitalizzazione di mercato di circa 100 miliardi di dollari, con centinaia di migliaia di progetti diretti al mercato.

 

La quarta innovazione principale, l'attuale punta di diamante del blockchain thinking, è chiamata "proof of stake". Le blockchain di generazione corrente sono garantite da "prova of work", in cui il gruppo con la più grande potenza di calcolo totale prende le decisioni. Questi gruppi sono chiamati "minatori" e gestiscono vasti data center per fornire questa sicurezza, in cambio di pagamenti di criptovaluta.

 

I nuovi sistemi eliminano questi data center, sostituendoli con strumenti finanziari complessi, per un livello di sicurezza simile o addirittura superiore. Si prevede che i sistemi di proof of workentreranno in servizio entro la fine di quest'anno. La quinta maggiore innovazione all'orizzonte è chiamata ridimensionamento della blockchain.

 

In questo momento, nel mondo dei blockchain, ogni computer della rete processa ogni transazione. Una blockchain scalata accelera il processo, senza sacrificare la sicurezza, calcolando quanti computer sono necessari per convalidare ogni transazione e dividere il lavoro in modo efficiente. Gestire ciò senza compromettere la leggendaria sicurezza e robustezza della blockchain è un problema difficile, ma non intrattabile.

 

Ci si aspetta che una blockchain in scala sia abbastanza veloce da alimentare l'internet delle cose e si faccia testa a testa con i principali intermediari di pagamento (VISA e SWIFT) del mondo bancario.

 

Questo panorama dell'innovazione rappresenta solo 10 anni di lavoro di un gruppo elitario di scienziati informatici, crittografi e matematici. Poiché il pieno potenziale di queste scoperte colpisce la società, le cose diventeranno sicuramente un po 'strane. Auto a guida autonoma e droni useranno blockchain per pagare servizi come stazioni di ricarica e atterraggi.

 

I trasferimenti valutari internazionali passeranno da giorni a un'ora, e quindi a pochi minuti, con un grado di affidabilità superiore a quello che l'attuale sistema è stato in grado di gestire.

 

Se diamo uno sguardo al passato vediamo che la prima Blockchain fu descritta nel 1991 da Stuart Haber e W. Scott Stornetta. Nel 1992, Bayer, Haber e Stornetta implementarono i Markle Trees all’interno della Blockchain per migliorare l’efficenza e mettere svariate informazioni dentro un solo blocco.

 

La prima blockchain distribuita fu creata da una persona che si fa chiamare Satoshi Nakamotonel nel 2008, che è in buona sostanza un registro di contabilità pubblico per tutte le transazioni. Le parole “Block” e “Chain” fecero la loro comparsa nel primo documento ufficiale (white paper) di Satoshi Nakamoto nell’ottobre del 2008.

 

Il termine poi fu ripreso più volte come “Block Chain”, prima di diventare una parola singola “Blockchain” nel 2016.

 

Nel 2014, la Blockchain raggiunse le dimensioni di ben 20 gigabyte per poi passare nel 2017 da 50 gigabyte a 100 gigabyte.